Potatura alberi, per l’alto fusto c’è il tree climbing

Dove non arrivano scale e piattaforme, i giardinieri qualificati salgono con corde e imbraghi

Siamo nella stagione migliore per la potatura alberi, di qualsiasi tipologia essi siano. Si tratta di un’operazione fondamentale per garantire la buona salute dei fusti. Serve per rimuovere i rami secchi, arieggiare la chioma (molto importante in aree poco ventose), permettere alla luce di filtrare meglio, rimuovere i rami troppo fitti. Può avere una funzione anche estetica (ad esempio, tagliare i rami che ostacolano una visuale) e di sicurezza (tagliare i rami morti prima che si rompano o cadano). Oltre che, per gli alberi da frutto, serve a dare nuovo vigore alla pianta per favorire la produzione nella stagione successiva.

Forse non tutti sanno che, dove non arrivano scale e piattaforme, la potatura alberi può essere eseguita con il tree climbing.

Cos’è il tree climbing

Letteralmente è “l’arrampicata sugli alberi”. Si tratta di una tecnica eseguita da giardinieri qualificati ed esperti, che eseguono la potatura alberi muovendosi in sicurezza con il solo utilizzo di funi, corde e imbraghi. “Grazie a questa innovativa tecnica si riescono ad effettuare interventi come potatura, smontaggio e messa in sicurezza, spalcatura, cura della chioma e rimozione dei rami morti. Sono interventi indispensabili e se fatti preventivamente, riducono al minimo la possibilità di danni dovuti a rotture e cedimenti del fusto”.

Potatura alberi senza limiti di altezza

Lo staff dedicato a questo tipo di operazione non solo possiede le massime conoscenze di arboricoltura ma è anche in grado di raggiungere i più alti punti di ogni albero e pianta al fine di eseguire gli interventi di manutenzione necessari. Quanto si può arrivare in alto? “Non c’è limite”, “I giardinieri che effettuano Tree Climbing adottano specifiche tecniche di salita e discesa dal fusto. Ogni intervento è eseguito in massima sicurezza e su qualsiasi tipo di dimensione, piante piccole/grandi e ad alto fusto. Ovviamente tutto viene svolto nel pieno rispetto delle regole dell’arboricoltura e delle normative vigenti in sicurezza del lavoro”.

Fonte: https://ilcanavese.it/